fbpx

Io Parlo Parmigiano

SERENÄDA DAL MAT D’ AMÓR

SERENÄDA DAL MAT D' AMÓR Tratto da "Alfredo Zerbini - Tutte le Poesie" (1965) L' é zà da 'n po ch' a t' fe l'indifarénta…Parchè? Co' t' òja ditt? Co' t' òja fat?Parchè färom patìr, acsì, par njénta?Parchè, parchè razär cmé can e gat? Me mädra la m' à ditt: "S' la ne t' vól mìgava insèmma a 'n' ätra, fa mént a mi."Mo da sta béla bòcca, chi 'm' dezlìga?Cmé pòssja fär s' a ne 't me pjäz che ti? Ritornél Mo guärdom, guärdom bén, guärdom in-t-j òc's' a t' vól capìr che mi 't' vój bén bombén.An vèddot mìga ch' a t' stagh…

Read more

I Giorni della Merla: Tra Leggende e Tradizioni del Clima Invernale

Siamo giunti agli ultimi giorni di gennaio, un interessante fenomeno climatico si avvicina, noto come "i giorni della merla", che si verificano il 29, 30 e 31 gennaio di ogni anno. Questi giorni sono spesso associati a temperature particolarmente basse, ma da dove proviene questa credenza e quali sono le leggende che la circondano? Màma che frèdd! Màma che zél! Vént fòrt e nùvvli in cél. La pòccia l'é giasäda, la navètta la s'é zläda!  Metèmmos adòs själpi e capéj, béj majón e gran mantéj, sucòt e po zactón, canotéri, calstón.  Mo còll frèdd chi 'n' va mìga vìa, zéla tutt, maledètt sìa. Pu punzént…

Read more

Chi è il più cretino della barca?

Chi è il più cretino della barca? Di cretini, ne è pieno il mondo. Ma il primo della barca è da considerarsi solo colui che in un dato gruppo ha fatto la figura più meschina. Colui che riesce a comportarsi peggio degli altri o subisce il maggior danno da un'impresa. Essere il più cretino della barca Un tempo si diceva anche ésor la bärca di minción (esser la barca dei minchioni) ma stranamente non si faceva riferimento ad un gruppo di individui, come ci farebbe sospettare il termine bärca, ma ad uno solo. In pratica il modo di dire significava essere scemo o comportarsi da…

Read more

Singhiozzo

Chiamatelo singhiozzo, in dialetto parmigiano si chiama sandòcc'. Esiste una filastrocca, non un vero e proprio proverbio che occasionalmente le madri recitavano quando i loro piccoli venivano colti dal singulto. "Salta nel pozzo, salta nel tino, salta nel sedere alla zietta" Quando a gh' saltäva su 'l sandòcc' a causa di un boccone mal ingerito si usava cantare questa rima. Non siamo certi che funzionasse come rimedio per il singhiozzo, non meglio di uno spavento o di un bicchiere d'acqua ma sicuramente questa filastrocca strappava una risata. Tratto dal libro "Pellagra Allegra" di Giovanni Petrolini

Read more